Il piano di accumulo: la ricetta contro la volatilità

Dove andranno i mercati nei prossimi anni? Nessuno lo sa (forse).


Una delle migliori strategie di investimento, soprattutto nel contesto attuale, è stata, è, e verosimilmente resterà il Piano di Accumulo (PAC), che consiste nell’investimento di una determinata somma prefissata per un orizzonte temporale di lungo periodo. Tale strategia di investimento fonda il suo successo sull'eliminazione degli errori tipici degli investitori che sono tentati di acquistare quando il mercato sale, e vendere sulla paura, quando il mercato scende. Al contrario infatti, i cali rappresentano un'ottima occasione per acquistare e i rialzi, per vendere. Tuttavia è praticamente impossibile prevedere quando avverranno, e pertanto, soprattutto in momenti di elevata volatilità, non esiste strategia migliore se non attenersi al proprio piano di accumulo, consci del fatto che, nel lungo periodo, il nostro investimento avrà avuto un buon (se non ottimo) rendimento.


Il PAC ha già dimostrato, anche attraversando due crash (Bolla dot.com e crisi finanziaria), di essere in grado di generare dei ritorni più che positivi. Investendo ad esempio 1.000€ all’anno in una asset allocation 90-10, a partire dal 2000, all’inizio della bolla dot.com e passando per la crisi finanziaria del 2008, al termine dei 20 anni avremmo accumulato un capitale di oltre 600k€ a fronte di un investimento di soli 240k€. In pratica, attraversando due tra i peggiori crash della storia, il nostro capitale in 20 anni sarebbe più che raddoppiato (ca. +160%).


“The best time to plant a tree was 20 years ago. The second best time is now” (proverbio cinese)


fonte: https://it.investing.com/analysis/il-piano-di-accumulo-la-ricetta-contro-la-volatilita-200456973