Differenze tra i vari formati di CURRICULUM


Chi non desidera un curriculum vitae in grado di catturare immediatamente l'attenzione del lettore?


Il primo passo è senza dubbio quello di valutare se il vecchio formato Europeo faccia al caso nostro o se al contrario appesantisce la nostra candidatura.

Per quanto simili, l'Europass è uno sviluppo del formato europeo soprattutto per l'organizzazione dei contenuti ritenuta leggermente più snella rispetto il suo predecessore.


L'intento di chi, nel lontano 2002 ideò questo formato, era quello di creare un approccio comune di lettura, agevolando la trasparenza e la mobilità lavorativa. Un tentativo fallito a detta di molti professionisti.

Nella verità dei fatti sia il formato Europass che il CV Europeo sono dei formati superati, e chiunque abbia l'esigenza di far emergere il proprio profilo lavorativo in una veste più competitiva (a tutti i livelli: dal neolaureato al professionista senior), è bene prendere confidenza con le alternative possibili, come un curriculum personalizzato moderno.


Il formato europeo è obbligatorio ?

Assolutamente no. Anche sul sito Europass si specifica infatti che non è un formato obbligatorio e che ad ogni modo, non garantisce al candidato particolari vantaggi, se comparato ad un formato diverso.


Quando usare il CV Europass?

Crea un cv in questi formato solo se nella tua ricerca di lavoro trovi offerte che lo richiedono espressamente (può capitare negli enti pubblici, università e progetti statali).

Spesso lo consigliano anche quando si è sprovvisti di particolari esperienze lavorative, evitando così l'effetto ''pagina bianca'', ma ciò non significa assolutamente che sia una scelta efficace, nemmeno per un neolaureato.


L'elevato numero di neolaureati e lo squilibrio tra offerta-domanda di lavoro, potrebbe esigere una scelta ben più strategica e personalizzata, che sottolinei le proprie caratteristiche distintive, allontanandosi così dalla standardizzazione dell'Europass.

Oltre a questi casi, l'Europass può tornare utile se si intende aprire un sito online, collegando il proprio curriculum all'interno della pagina, in modo da offrire informazioni molto dettagliate sul proprio percorso formativo e lavorativo. Tuttavia questa possibilità fa a sportellate con le potenzialità offerte dal CV infografico che assolve alla stessa funzione, mostrando però più vantaggi, a seconda del tipo di professione.

Ovviamente in questo caso, la scelta deve essere ben ponderata, in primo luogo perchè la lunghezza del proprio curriculum non è un indizio esaustivo della propria professionalità, in secondo luogo perchè alcune professioni a stampo creativo, potrebbero ottenere più vantaggi da un portfolio, o dalle infografiche, strumenti decisamente più efficaci.


Paradossi e svantaggi del formato Europass:

Sul sito Europass si consiglia di redarre il proprio CV rimanendo entro le due pagine, ma al tempo stesso i campi da compilare sono talmente ridondanti che rischiano di allungare il curriculum, senza comunicare un reale valore aggiunto.

Bel paradosso... basta osservare la dimensione eccessiva del riquadro sulle informazioni personali accanto la foto e l'utile specchietto delle competenze linguistiche/tecniche e il riferimento di piè di pagina, costruiti su un layout profillo ed inefficace. Questo è sicuramente uno svantaggio rispetto ai formati più moderni in circolazione.

Adoperare un formato europeo o l'europass, rischia di essere un autogol. Oltre ad essere sconsigliato trasversalmente da diversi professionisti, rischia di porre il candidato in una condizione di svantaggio competitivo anche rispetto chi, a parità di competenze, ha optato per un formato più snello ed efficace. Chi usa il CV europeo perde l'occasione di distinguersi. Ogni persona è unica, quindi perchè utilizzare un formato standard?


Suggerimenti finali:

  • Utilizza l'Europass solo se è espressamente richiesto, come nei casi specificati in precedenza;

  • Non optare per questo formato se vuoi scrivere un cv su un formato moderno ed efficace;

  • Scrivi il tuo CV in una sola pagina;

  • Se usi l'Europass, non compilare tutti i campi a disposizione: molti campi sono ridondanti.


fonte: https://capitale-umano.jimdofree.com/le-basi-del-cv-writer/il-formato-europeo-e-l-europass/