Fenomeno NEET: in Italia percentuali allarmanti

Il fenomeno dei NEET (acronimo che in inglese significa Neither in Employment nor in Education or Training) cresce di anno in anno e l'Italia rappresenta uno dei paesi maggiormente interessato. Le percentuali del nostro Paese sono in effetti allarmanti: nel 2020 hanno toccato il 23,3% (1 su 4 ragazze rientrava in questa categoria).


I NEET rappresentano una schiera di giovani tra i 15 e i 29 anni che:

- non lavorano

- non sono alla ricerca di lavoro

- non studiano

- non sono impegnati in attività di formazione (corsi online, seminari...)



Quali sono le cause della diffusione di questo fenomeno?

  1. Scoraggiamento: molti giovani laureati non riuscendo a trovare il lavoro dei sogni, che soddisfi a pieno i loro desideri, dopo un breve periodo di ricerca affrontano lunghi periodi di inattività perché scoraggiati;

  2. Job mismatch: disallineamento tra le competenze offerte dai giovani e le qualifiche richieste dal mercato del lavoro;

  3. Motivi familiari: chi non ha una famiglia alle spalle o chi ha una famiglia che non è in grado di fornire un sostegno economico sostanziale e continuativo parte da una situazione di svantaggio;

  4. Mancanza di emancipazione dei giovani dalle famiglie: i giovani italiani escono dalla casa dei genitori mediamente a 30 anni (contro una media europea di 26) e questo ha un impatto sul percorso di autonomia sociale ed economica.

Qual è il rischio più grande che corrono i NEET?

Principalmente quello del prolungato allontanamento dal mercato del lavoro o dal sistema formativo che potrebbe comportare una maggiore difficoltà di reinserimento.


Cosa comporta questo per le aziende che ricercano risorse da inserire? Come cambieranno i processi di selezione nei prossimi anni?